medicina estetica idrolipoclasia
Idrolipoclasia ultrasonica (ILCUS): si utilizza un apparecchio che genera ultrasuoni ed una sonda attraverso la quale avviene l'emissione. Si verificano effetti micromeccanici che provocano rottura delle strutture cellulari, effetti termici (oltre i 37°) con danno alle proteine e perdita delle funzioni cellulari e cavitazione, fenomeno fisico che provoca formazione di piccole bolle d'aria che esplodono danneggiando le strutture circostanti (esempio tessuto adiposo - cellulite). L'elevata frequenza degli ultrasuoni impedisce agli stessi di provocare danni biologici ai tessuti profondi. L'iniezione preliminare di fisiologica nel distretto da trattare aumenta l'efficacia della terapia.
Si trattano le regioni trocanteriche (coulottes) fianchi e interno ginocchia. E' sconsigliata nella PEFS di grado avanzato, nelle malattie epatiche e nelle dislipidemie. La frequenza è settimanale per un totale di circa 20 sedute. Generalmente si ottiene una riduzione della circonferenza dell'arto di circa 2 mm per seduta.